La precisione nel trasmettere e ricevere è l’aspetto più importante e imprescindibile dell’attività del Radiotelegrafista.

 

Non a caso la Telegrafia praticata come lavoro si basava su questo principio tant’è che l’ago della velocità commerciale si fermava a 25 WPM in modo da escludere tassativamente errori di ricezione.

 

Ma vi è anche un altro aspetto della Telegrafia, chiamato erroneamente QRQ, ma più precisamente TAV (Telegrafia Alta Velocità).

 

In tal caso quello che cambia, o dovrebbe, è solo la velocità nel comunicare mentre la precisione rimane un punto fisso. 

 

E’ possibile conseguire dei certificati che attestano l’abilità raggiunta.

 

Si tratta del Certificato HSC (High Speed Club) che rappresenta il primo livello di capacità nel comunicare in telegrafia, in chiaro e per tempi lunghi alla velocità commerciale standard di 25 WPM. Successivamente, migliorando le proprie qualità acquisite, si accede al VHSC, SHSC e EHSC rispettivamente a velocità superiori a 40, 50 e 60 WPM.

 

Ciascun livello è indipendente dagli altri nel senso che è possibile conseguire quello relativo alla propria abilità acquisita.

 

E’ ammesso l’impiego del solo keyer elettronico e l’uso di qualsiasi idioma.


Queste le caratteristiche richieste: 

 

- HSC (High Speed Club)  5 QSO, durata 30  minuti  ed un  minimo di 25 WPM (125 car./min.)

 

 

- VHSC (Very High Speed Club)  4 QSO, durata 30 minuti  ed un minimo di 40 WPM (200 car. /min.)

 

 

- SHSC (Super High Speed Club)  3 QSO, durata 30 minuti  ed un minimo di 50 WPM (250 car./min.)

 

 

- EHSC (Extremely High Speed Club)  3 QSO, durata 30 minuti  ed un minimo di 60 WPM (300 car. /min.)

 

 

 

HSC - VHSC - SHSC - EHSC

Members by Prefixes

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Updated Januar 23st, 2014 to HSC 1929 - VHSC 417 - SHSC 180 - EHSC 107

           edited by DL6LBI, 8/1/2016

 

 

 

    Elenco aggiornato al   18/3/2018

       (solo operatori italiani)

CALL    HSC VHSC SHSC EHSC NOME

HSC - VHSC - SHSC - EHSC Call HSC VHSC SHSC EHSC Name             IK1EZC 1712 361 165 . Michele IK1GKH 1937 . . . Carlo IK1QBT 1767 . . . Tony IK2BAE 1373 263 . . Ezio IK2ODE . 318 . . Alberto IK2RMZ 1070 163 . . Martin IK2YLV 1763 . . . Peppino IK3HZS 1877 . . . Bruno IK4DCT 1408 . . . Davide IK4EWX 1386 . . . Ian, Gian IK4HLO 1537 . . . Fabrizio IK4VFD . 405 178 106 Rodolfo IK4IDW 1692 . . . Stefano IK5ZQB 1776 384 . . Lauro IK5VLL . 419 183 110 Andy IK6BAK 1542 283 136 . Eliseo IK6IHM . . . 109 Joe IK7OFI 1939 . . . Pino IK8TEO 1911 . . . Frank IK8VRP 1698 . . . Andrea IK0HBN 1777 . . . Sante IK0IXI 1888 403 175 104 Fabio IK0XCB 1817 413 163 98 Claudio IK0YGJ 1843 393 169 102 Carlo IK0YVV 1756 . . . Marco IN3EBZ 1913 415 . . Gerd IN3NJB 1135 . . . Bob IN3WDJ 1922 . . . Giampietro IN3ZWF    1914 . . . Josef IS0AFM 1897 406 177 107 Simone IT9LWP 1916 . . . Fabio IT9ORA 1702 . . . Gianni IT9TQH 1562 299 . . Maurizio IT9ULN 1755 370 161 . Angelo IT9VDQ 1451 . . . Giuseppe IZ4AGI 1806 401 174 103 Maurizio IZ4RTE - 411 182 - Eddy IZ0ETE 1894 . . . Emanuele IZ0FYL 1890 . . . Luca I1GIS 1902 . . . Roberto I1QII 1177 . . . Diego I1QOD 1568 360 155 95 Alberto I1SCI 590 . . . Renato I1XHV 1128 . . . Enzo I1YRL 1543 . . . Luciano I2AV 1503 . . . Alberto I2AZ 1829 . . . Giuseppe I2BWW 880 . . . Silvano I2CZQ 1395 . . . Pietro, Peter I2FGT 733 . . . Giulio I2QIL 1541 329 144 . Antonio I2SBW 416 . . . Giovanni I2ZGA 688 . . . Giancarlo I3BLF 767 . . . Jack I3JSS 1780 374 . . Adriano I3VIB 538 . . . Giovanni I5NXH 1857 . . . Fabrizio I5YDI 1456 . . . Luigi I6BQI 723 235 120 . Angelo I6MAT 747 97 . . Giorgio I7ALE 798 242 166 . Sandro I7BNX 769 238 104 85 Rino I7/9A3A 1261 240 . . Ivo I8SOU . . 156 97 Ugo I0GO 411 . . . Giuseppe I0GOJ 1736 377 162 99 Antonio I0RNK 1735 . . . Angelo

 

 

 

Quanto sopra esposto riguarda solo il lato burocratico della telegrafia veloce, direi la parte coreografica della TAV, la fase “notarile”, certificata.

 

Ma esiste anche una lunga schiera di "Operatori Italiani DOC" non interessati  minimamente al “pedigree”, che non avvertono il bisogno delle “luci della ribalta”. A loro non serve il “diplomino”, non ne sentono  la necessità.


La velocità operativa è il loro cavallo di battaglia, lo "zoccolo duro": primo fra tutti l’incredibile  Salvatore IK1OJM capace di raggiungere velocità intorno ai 90 WPM, Salvatore I8CEE, Paolo I1DMP attestatosi sui 70 WPM, Luca IZ7GEG ex Operatore RT di mestiere, Giuseppe IK6IHM, Fabio IT9LWP, Patrizio IK5TSZ, Massimo IK0ZTB, Gianfranco I1XSG e molti altri  che in questo momento mi sfuggono.